Link building

Una delle cose più difficili da fare per un’agenzia web che vende servizi di marketing digitale ai propri clienti è riuscire a far sì che questi ottengano nuovi clienti grazie ai motori di ricerca. Non è un segreto né una novità: da vent’anni a questa parte, gli utenti che interrogano Google, Bing e Yahoo per avere risposta alle proprie esigenze rappresentano una miniera d’oro che in tanti hanno cercato di minare.

Oggi esiste la professione del SEO Specialist, il quale si occupa esclusivamente di posizionare sui motori di ricerca i propri clienti; il 70% delle aziende italiane che si rivolge ad un professionista di questo tipo, tuttavia, finisce per commettere un errore molto comune: non si preoccupa della link building, lasciando al SEO Specialist la possibilità di “fare il furbo”.

Evita questo errore a tutti i costi

La link building parte da una premessa molto semplice: per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca di un sito è molto importante che altri siti contengano link verso di esso. Questi siti, con i loro link, costruiscono un patrimonio che in gergo tecnico viene definito profilo backlink: sei sicuro che il professionista a cui ti stai rivolgendo stia investendo abbastanza sul tuo profilo backlink?

Solitamente i professionisti includono nel canone che fanno pagare ai clienti una certa cifra per la costruzione di un profilo di link in ingresso adeguato al loro sito, promettendo grandi vantaggi per il loro posizionamento sui motori di ricerca: la realtà però è un’altra. La realtà è che per acquisire link nel modo corretto non basta essere dei buoni SEO Specialist, bisogna avere una formazione molto specifica nella link building onde evitare di creare problemi al sito del clienti: hai capito bene, nel 90% dei casi la costruzione del profilo link avviene in modo inadeguato, creando problemi anziché vantaggi.

Ecco cosa devi sapere davvero sulla link building

Per prima cosa, i link non sono tutti uguali. Un link può valere migliaia di volte più di un altro: potresti pagare il proprietario di un sito per mandarti un link che non ti aiuterà minimamente, oppure 25 euro per un link che improvvisamente ti aiuta a posizionarti per una keyword in grado di portarti decine di clienti ogni mese. Un link può davvero fare la differenza, ma per farlo devi rivolgerti a qualcuno che davvero sappia come farla.

Passiamo in rassegna quello che conta di più per rendere una strategia di link building efficace:

  • Frequenza: ottenendo link in entrata verso il tuo sito troppo poco spesso, finirai per rimanere dietro ai tuoi concorrenti che investono di più in link building. Ottenendo link in entrata troppo spesso, Google penserà che stai cercando di manipolare i posizionamenti e ti penalizzerà: questo è ancora più controproducente, meglio tutto sommato il “troppo poco” che il “troppo”.
  • Placement: un link vale decisamente di più o di meno a seconda di dove è posizionato nel sito che te lo invia. La posizione migliore è all’interno di un articolo, in un punto visibile all’inizio del testo, ma anche questo dipende cioè non è una regola fissa.
  • Autorità: i link verso il tuo sito che provengono da altri siti molto rilevanti (es. Il Sole 24 Ore) valgono decisamente di più di quelli pubblicati su siti di poco conto (es. Quello di un tuo fornitore con un sito statico di tre pagine che in pochissimi hanno mai visualizzato).
  • Anchor Text: abbiamo detto che i link all’interno del testo sono i migliori, ma quali sono le migliori parole da rendere cliccabili? Queste devono essere strettamente correlate al tuo tipo di attività ma senza calcare la mano. Le parole rese cliccabili vengono chiamate “Anchor text” e vanno valutate a priori con uno studio molto minuzioso.

Che caos! Come risolvere in un modo semplice ed efficace?

Non vogliamo consigliarti di diventare un link builder, perché ti comporterebbe almeno due anni di studio e pratica che difficilmente avrai il tempo o la voglia di affrontare. Puoi riuscire a costruire il successo della tua azienda anche rivolgendoti a dei professionisti, ma per farlo hai bisogno di scegliere quelli giusti.

Noi di Wolf Agency abbiamo da sempre fatto della link building la nostra grande specialità, per cui possiamo aiutarti a risolvere i problemi del tuo sito e del suo profilo backlink. Collaboriamo attivamente con testate giornalistiche e blog per costruire un profilo di link naturale ai nostri clienti che non abbia concorrenti nel loro settore. Per farlo applichiamo competenze su cui siamo al lavoro. Se ti va puoi richiedere in qualsiasi momento una consulenza gratuita: saremo a tua disposizione per controllare, senza impegno, il lavoro che è stato fatto sul tuo sito e trovare tutti i modi necessari a migliorarlo.

Come funziona la prima consulenza gratuita?

Nell’apposita sezione di questo sito trovi tutti i nostri contatti. Ti basterà mandarci una mail chiedendoci di analizzare il profilo backlink del tuo sito, dopodiché ci metteremo al lavoro attraverso i nostri tool specifici. Andremo ad analizzare tutta la storia del tuo sito, identificando le opportunità che sono state colte e quelle che invece non sono state sfruttate.

Al termine della consulenza avremo un quadro molto chiaro della situazione, ma ovviamente questo potrebbe non essere altrettanto chiaro per te. Per questo sarà nostra premura riuscire a tradurre tutti i nostri consigli e le nostre scoperte in modo da renderli perfettamente comprensibili a chi non mastica gli aspetti tecnici del web.

Se avrai avuto piacere di lavorare con noi ed apprezzerai il modo in cui ti avremo esposto tutte quante le questioni legate alla link building del tuo sito, potrai eventualmente scegliere di collaborare con noi per la costruzione di un profilo backlink in grado di portarti veri risultati tangibili e non di giustificare semplicemente delle spese in fattura a fine mese.