Analizzare il conteggio delle parole per la SEO

No Comments

Molti SEO raccomandano di analizzare i risultati della ricerca per capire quale numero di parole vuole Google per indicizzare un sito web. Ma John Mueller di Google dice che non serve a niente.

C’è un’idea molto diffusa che il modo in cui si usano le parole chiave è importante per la SEO. Vari software SEO analizzano i risultati della ricerca per fornire informazioni sul conteggio delle parole. Mueller sbugiarda tutti e dice che questi tool non servono.

Comprendere ciò che Google sta classificando è un’area di indagine nota come analisi SERP. Cercare di capire perché Google sta classificando determinate pagine web è complicato.

Esistono molti miti di analisi SERP oltre al conteggio delle parole, tra cui idee sfatate come le keyword LSI .

Molti SEO si preoccupano del conteggio delle parole. Parte del motivo è dovuto agli studi di correlazione che hanno scoperto che Google classifica le pagine web di una certa lunghezza. Hanno anche scoperto che pagine più lunghe tendono ad acquisire più link.

Ma il problema con tutti quegli studi di correlazione è che sono studi di correlazione. Gli studi di correlazione hanno portato costantemente a pratiche SEO disastrose.

Ad esempio, uno studio di correlazione del 2012 ha concluso che 1500 parole sono un buon obiettivo per l’ottimizzazione di Google.

Per quanto possa sembrare stupido, anche oggi nel 2020 ci sono persone che spingono ancora l’idea del conteggio delle parole minimo e massimo. Ecco perché alcuni software di analisi SERP includono funzionalità di conteggio delle parole che raccomandano conteggi specifici in base a ciò che Google sta classificando.

Tuttavia, John Mueller di Google ha smentito l’idea che il conteggio delle parole sia importante tanto che su Twitter ha scritto che la corrispondenza del conteggio delle parole dei siti più votati non aiuta il posizionamento di una pagina.

Come ha detto Mueller, raggiungere un certo conteggio delle parole non aiuterà a migliorare il posizionamento di una pagina.

Ma c’è una sfumatura al conteggio delle parole che viene comunemente trascurata: nel controllo dei siti dei clienti è stato scoperto che i contenuti più lunghi del dovuto tendono a deviare dall’argomento.

In quei casi il loro obiettivo di essere comprensivi o di raggiungere un conteggio delle parole arbitrario faceva sì che il loro contenuto diventasse qualcosa di diverso da quello che stavano prendendo di mira.

Il consiglio che noi della Wolf Agency diamo ai nostri cliente è sempre lo stesso da anni: fare sì che il contenuto sia sempre rilevante per gli utenti. La rilevanza per Google è capire cosa intendono gli utenti quando digitano una parola chiave e la corrispondono a una pagina che risponde alla domanda.

Quindi la migliore cosa da fare in questi casi è sempre quella, prima di scrivere anche una sola parola, di controlla i risultati della ricerca e cerca di capire cosa intendono gli utenti quando scrivono una query di ricerca .

 

 

Iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005, titolare dello studio di consulenza marketing AppTur, come copywriter mi occupo di seo copy e seo writing per aziende e web agency a livello nazionale

Il nostro Seo blog

Siamo una Web Agency che abbiamo come focus principale la soddisfazione dei clienti. Queste sono le nostre news e guide sul mondo del web marketing.

Richiedi preventivo gratis

Servizi professionali di Web Marketing. Siamo esperti in strategie digitali e Seo per far prendere il volo alla tua azienda!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Articoli di Blog Seo

Tutti gli articoli

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.