BERT non declassa i siti web

No Comments

BERT non declassa i siti web. A dirlo è direttamente John Mueller in uno degli ultimi hangout per i webmaster.

In un hangout per i webmaster, un partecipante ha chiesto a John Mueller, Google Webmaster Trends Analyst, cosa deve fare dopo aver subito un calo del 40% del traffico a causa di BERT, l’ultimo aggiornamento di Google.

Mueller ha dato tutta una serie di consigli sui quali si dovrebbe concentrare, e su cosa, invece, non deve prendere in esame.

L’editore ha seguito le Linee guida di Google e ha perso ranking

L’editore ha detto di aver seguito le linee guida di Google, di non aver fatto link building e di essersi concentrato solo sulla creazione di contenuti, proprio come consigliato da Google. Nonostante abbia seguito le regole, l’editore ha dichiarato di essere stato colpito da BERT l’ultimo algoritmo di Google.

Questa è la domanda che l’editore ha posto a John Mueller di Google:

“L’aggiornamento Google BERT ha interessato due dei miei siti Web e il traffico è diminuito del 40%. L’unica cosa che sto facendo è seguire le linee guida di Google, non ho creato un singolo link e mi concentro sulla creazione di contenuti … il sito si era classificato tra i primi tre e il traffico stava migliorando giorno dopo giorno.

Ma dopo BERT il sito è passato alla quarta e quinta pagina per le parole chiave principali e le keyword longtail sono rimaste invariate. Il mio sito è la migliore esperienza utente con permanenze medie degli utenti di cinque minuti. …Cosa sta succedendo qui?”

BERT non è responsabile per il calo delle classifiche

Mueller ha detto la sua: se un sito ha avuto un crollo delle classifiche dal recente aggiornamento, molto probabilmente non era correlato al BERT.

Questo è ciò che Mueller ha detto:

“Forse prima di tutto, questo non è successo per BERT. Le modifiche BERT riguardano in particolare la comprensione migliore delle query degli utenti e la capacità di comprendere meglio il testo in generale.

Quindi non è che vorremmo dire che improvvisamente la tua pagina è meno pertinente. Ma piuttosto con BERT proviamo a capire se una domanda che qualcuno ci pone, corrisponde meglio a questo sito web. E di solito questo è per domande più complicate.

La cosa da tenere a mente è che apportiamo continuamente modifiche. Abbiamo apportato diverse modifiche all’algoritmo di base anche nel … il mese scorso o giù di lì, che si sovrappongono anche al lancio di BERT. “

L’aggiornamento dell’algoritmo di base è il motivo delle modifiche del ranking

John Mueller ha quindi affermato che Google ha implementato diverse modifiche al ranking e che sono state queste le cause della ragione probabile delle modifiche della classifica, non BERT.

Invece, John ha offerto che ciò era correlato ai cambiamenti dell’algoritmo incentrati sulla pertinenza, nonché su quali pagine siano le migliori e di qualità superiore.

“Quindi è qualcosa in cui la mia ipotesi è che questi cambiamenti qui sono totalmente estranei alla modifica del BERT e di più per quanto riguarda le modifiche generali dell’algoritmo in cui proviamo a capire quali pagine sono più pertinenti, quali di queste pagine sono migliori, di qualità superiore e come possiamo mostrare pagine più pertinenti nei risultati di ricerca “.

La pertinenza è uno dei motivi più importanti per cui Google classifica una pagina web. È ciò che rende una pagina migliore di un’altra. Questo è ciò che Google sta cercando di fare.

Mueller ha continuato a raccomandare di non concentrarsi sul BERT ma sui fattori tecnici SEO.

Sono un amante del web prima di tutto, Seo e link builder di Torino. Aiuto le aziende a vendere di più tramite strategie di web marketing.

Il nostro Seo blog

Siamo una Web Agency che abbiamo come focus principale la soddisfazione dei clienti. Queste sono le nostre news e guide sul mondo del web marketing.

Richiedi preventivo gratis

Servizi professionali di Web Marketing. Siamo esperti in strategie digitali e Seo per far prendere il volo alla tua azienda!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Articoli di Blog Seo

Tutti gli articoli

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.