Come Google giudica la reputazione di un sito

Nessun Commento

Sapere come Google giudica la reputazione di un sito web è fondamentale per essere nei primi risultati di ricerca

Nel 2010 Google ha annunciato ufficialmente che stava facendo l’analisi del sentiment per giudicare i siti web. Il post del blog creato dall’ex capo della Ricerca Google è stato chiamato Being Bad to Your Customers is Bad for Business

L’annuncio faceva riferimento a un articolo del New York Times dove si parlava di commenti negativi lasciati a un  sito web e di come, al contrario, le recensioni negativi avessero fatto bene alla user experience degli utenti che fanno ricerche online.

Il comunicato di Google diceva:

“… negli ultimi giorni abbiamo sviluppato una soluzione algoritmica che rileva il merchant dall’articolo di Times insieme a centinaia di altri merchant che, a nostro parere, forniscono un’esperienza utente estremamente scadente.

L’algoritmo che abbiamo incorporato nelle nostre classifiche di ricerca rappresenta una soluzione iniziale a questo problema e, di conseguenza, gli utenti di Google ottengono un’esperienza migliore. “

L’articolo è quindi collegato a un documento di ricerca del 2007 intitolato  Large-Scale Sentiment Analysis for News and Blogs (PDF).

Il documento di ricerca affermava che:

“Determiniamo il sentimento pubblico su ognuna delle centinaia di migliaia di entità che monitoriamo e su come questo sentimento varia nel tempo.”

C’è un’altra versione di quello stesso documento di ricerca che è più lungo e più completo ( Scarica PDF qui )

La versione più lunga conclude dicendo che:

“Ci sono molte direzioni interessanti che possono essere esplorate. Siamo interessati a come il sentimento può variare in base al gruppo demografico, alla fonte di notizie o alla posizione geografica. Espandendo la nostra analisi spaziale delle entità di notizie alle mappe del sentimento, possiamo identificare le regioni geografiche di opinioni favorevoli o sfavorevoli per determinate entità.

Stiamo anche studiando l’analisi del grado in cui i nostri indici di sentimento prevedono cambiamenti futuri in termini di popolarità o comportamento del mercato “.

C’è anche un Google Research PDF del 2008 chiamato, Leveraging User Annotations in Sentiment SummarizationFornisce una panoramica sull’estrazione del sentimento positivo o negativo nelle recensioni degli utenti.

Come l’algoritmo di Google utilizza l’analisi del sentiment

Finora abbiamo parlato dell’analisi della reputazione. Tuttavia, questo è generalmente chiamato Sentiment Analysis. Ci sono state molte ricerche sull’analisi dei sentimenti dalla metà del 2000 ad oggi. Google sta ancora pubblicando ricerche su di esso.

Una delle pubblicazioni più recenti è intitolata Multilingual Multi-class Sentiment Classification Using Convolutional Neural Networks

Il documento propone un modo di valutazione totalmente indipendente dal linguaggio per valutare come le persone percepiscono i prodotti e le imprese (analisi del sentimento).

Il documento di ricerca afferma:

“Questo articolo descrive un modello indipendente dal linguaggio per l’analisi del sentimento multi-classe usando una semplice architettura di rete neurale … Il vantaggio del modello proposto è che non si
basa su caratteristiche specifiche della lingua come i dizionari o il pre morfologico o sintattico.

I social media hanno rivoluzionato il web trasformando gli utenti da destinatari passivi di informazioni in persone che contribuiscono e in influencer. Ciò ha un impatto diretto su aziende, prodotti e governance.

Molti dei post degli utenti sono opinioni su prodotti e marchi che incidono sulle decisioni di acquisto di altri consumatori e incidono sull’affidabilità del marchio. Le recensioni negative diffuse online possono causare problemi critici per la reputazione, il potere competitivo e le possibilità di sopravvivenza di qualsiasi attività commerciale. “

Non c’è prova Google utilizzi Wikipedia per giudicare i siti web

Non ci sono prove che Google utilizzi un tale sistema per l’analisi dei sentimenti. Tuttavia, il fatto che questo documento di ricerca esista rende una buona prova del concetto che questo tipo di analisi del sentimento è stato studiato ed è teoricamente possibile. Più interessante è invece il fatto che si basi sui social media come Twitter mentre non c’è alcuna menzione di Wikipedia.

  1. Non esiste alcun brevetto o documento di ricerca di Google che indichi una procedura per l’utilizzo di Wikipedia per estrarre informazioni sul sentimento ai fini del posizionamento.
  2. Non è corretto utilizzare le Quality Raters Guides sui rapporti di qualità per cercare un sito Web come prova che l’algoritmo di Google faccia la stessa cosa.

 

Iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005, titolare dello studio di consulenza marketing AppTur, come copywriter mi occupo di seo copy e seo writing per aziende e web agency a livello nazionale

Il nostro Seo blog

Siamo una Web Agency che abbiamo come focus principale la soddisfazione dei clienti. Queste sono le nostre news e guide sul mondo del web marketing.

Richiedi preventivo gratis

Servizi professionali di Web Marketing. Siamo esperti in strategie digitali e Seo per far prendere il volo alla tua azienda!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Articoli di Blog Seo

Tutti gli articoli

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.