Dofollow vs. Nofollow: quali link sono migliori

Nessun Commento

Prima che Google introducesse il concetto di link Dofollow e Nofollow, il mondo dell’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) era caotico.

“La differenza tra un collegamento Dofollow e Nofollow è che un collegamento Dofollow passa i segnali PageRank (alcuni si riferiscono a SEO o link juice) e un collegamento Nofollow no”, ha detto Paul Ronto, CMO di RunRepeat

In altre parole, la distinzione risiede nel modo in cui l’algoritmo di Google tratta ogni link. “Dal lato tecnico delle cose, l’unica differenza tra i due è che un link Nofollow ha un piccolo tag (rel =” nofollow “) nel codice”, ha detto Ronto. 

Questo tag consente ai crawler di ricerca di sapere che il collegamento non deve influire sul punteggio PageRank. “Gli utenti umani possono ancora interagire con il collegamento, questa è una distinzione puramente algoritmica”, ha affermato Wulfe.

Pertanto, i link funzionano ancora allo stesso modo, ma Google li vede in modo diverso a seconda del tag utilizzato e, ben si capisce che i link Dofollow hanno un valore maggiore rispetto ai link Nofollow. 

Oggi è più che mai difficile creare ed eseguire una strategia di link building di successo. In effetti, il 65% dei marketer afferma che la link building è il compito SEO più impegnativo

Natalia Wulfe, CMO of Effective Spend spiega inoltre: “Quando un sito web di alto livello si collega a un sito con un basso ranking con un link dofollow, passa parte del suo ” link juice “, aumentando così il valore del sito web di livello inferiore rispetto al motore di ricerca. ” 

Ronto aggiunge: “Questi punti sono l’importante distinzione sul motivo per cui un link DoFollow è migliore di un link NoFollow quando sei a costruire una strategia di link building per il tuo sito.” Anche se i link dofollow possono essere essenziali per scopi SEO, i link nofollow sono fondamentali anche per i siti web.

Bisogna ancora usare i link Nofollow?

“I link Nofollow hanno ancora valore”, ha detto Ronto. Infatti, anche se non contano per il PageRank, vengono comunque notati dai crawler di ricerca. “Un sito che ha zero link Nofollow”, spiega Ronto, “potrebbe essere una bandiera rossa per i crawler, il che significa che sta succedendo qualcosa a livello di spam”. Questo perché la maggior parte dei siti acquisisce link Nofollow in modo naturale nel tempo. I siti Web possono utilizzare i collegamenti Nofollow per evitare l’associazione con siti web contenenti spam, pur continuando a collegarsi a informazioni che potrebbero essere preziose per i propri lettori.

“L’altro motivo per utilizzare i link Nofollow è a scopo di sponsorizzazione”., come ricorda Wulfe. Molti siti di alta qualità utilizzano i link Dofollow quando vengono pagati per collegarsi ad altri siti web, ma per default usano i link Nofollow per i link non sponsorizzati, in modo che non comunichino gratuitamente il loro link.

Ecco perché è sempre bene che una parte del profilo backlink del proprio sito web sia Nofollow, in modo che sia possibile ottenere link a ritroso da siti web di alta qualità e segnalare ai crawler di ricerca che il sito è legittimo e non fa spamming nei link Dofollow.

 

Iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005, titolare dello studio di consulenza marketing AppTur, come copywriter mi occupo di seo copy e seo writing per aziende e web agency a livello nazionale

Il nostro Seo blog

Siamo una Web Agency che abbiamo come focus principale la soddisfazione dei clienti. Queste sono le nostre news e guide sul mondo del web marketing.

Richiedi preventivo gratis

Servizi professionali di Web Marketing. Siamo esperti in strategie digitali e Seo per far prendere il volo alla tua azienda!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Articoli di Blog Seo

Tutti gli articoli

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.