Google dice come ottimizzare un sito con Bert

No Comments

John Mueller di Google ha risposto a una domanda su cosa fare per ottimizzare l’algoritmo BERT.

ottimizzare-sito-web-algoritmo-bert-google

In verità anche se Google ha affermato che “non c’è nulla da ottimizzare”, John Mueller ha offerto una risposta più sfumata dando un po’ più di informazioni agli editori preoccupati per BERT.

BERT ha iniziato a funzionare a fine ottobre 2019 è già a novembre sui tanti siti e forum dedicati alla SEO si leggeva che avrebbe avuto un impatto di 1 su 10 su tutte le query di ricerca. Questo è il più grande cambiamento nella ricerca da quando Google ha rilasciato RankBrain.

BERT lo potremmo definire in parte come la differenza che c’è tra parole corrispondenti e parole comprensive.

La spiegazione dei post sul blog di Google,  Understanding Searches Better than Ever Before, probabilmente non è all’altezza degli editori e di quelli della comunità di ricerca. Il post di Google è stato scritto come una spiegazione per gli utenti del motore di ricerca di Google e non tanto per gli editori.

I lettori del mio sito sanno bene che la Wolf Agency è specializzata nell’inserimento di siti web in Google News e che per fare questo lavoro mi avvalgo di SEO journalist e SEO copywriter ed è a tutti loro che mi rivolgo principalmente per cercare di fare chiarezza su cosa da quattro mesi a questa parte Google vuole trovare nei testi degli articoli e nei contenuti dei post.

Come ottimizzare un sito web per BERT

Danny Sullivan ha suggerito alla comunità SEO che non c’era altro da ottimizzare se non quello di scrivere contenuti per gli utenti.

John Mueller di Google ha ampliato i consigli di Danny. Non contraddice Danny ma piuttosto fornisce maggiori dettagli.

La domanda posta a John Mueller era:

Mi parlerai dell’aggiornamento Google BERT? Quali tipi di lavoro posso fare di SEO secondo gli algoritmi BERT?

Mueller inizia la sua spiegazione mettendo in relazione lo scopo dell’algoritmo BERT:

Consiglio principalmente di dare un’occhiata al post sul blog che abbiamo fatto attorno a questo particolare cambiamento.

In particolare, ciò che stiamo cercando di fare con questi cambiamenti è capire meglio il testo.

Il che da un lato significa una migliore comprensione delle domande o delle domande che le persone ci inviano. E d’altra parte comprendere meglio il testo su una pagina. Le query non sono realmente qualcosa che puoi influenzare tanto quanto la SEO.

John ha quindi offerto la sua spiegazione su cosa può fare un editore con i contenuti testuali:

Il testo sulla pagina è qualcosa che puoi influenzare. La nostra raccomandazione è essenzialmente quella di scrivere in modo naturale.

Anche se sembra un po’ ovvio, molti di questi algoritmi cercano di capire il testo naturale e cercano di capire meglio quali argomenti tratta questa pagina.

Su quali attributi speciali abbiamo bisogno di fare attenzione e che consentono l’uso per abbinare meglio la query che qualcuno ci sta chiedendo con una pagina specifica.

Quindi, semmai, c’è qualcosa che puoi fare per ottimizzare BERT, è essenzialmente assicurarti che le tue pagine abbiano del testo naturale …

Mueller ha iniziato quindi a dire qualcosa ma si è fermato prima di completare la frase:

“..E che non sono scritti in un modo che …”

Mueller si ferma per un secondo, fa un respiro, quindi sembra non finire il pensiero sopra. Quindi inizia una nuova frase:

“Un po’ come un normale essere umano sarebbe in grado di capire. Quindi, invece di riempire il più possibile le parole chiave, scrivi in ​​modo naturale “.

Segnali di rilevanza

Ho visto un post di Facebook l’altro giorno in cui qualcuno ha riferito la sua opinione secondo cui la correzione degli aggiornamenti degli algoritmi si riduce spesso alla risoluzione di problemi con autorità e pertinenza. Concordo con tale osservazione al 100% perché questa è stata la mia esperienza negli ultimi anni.

La maggior parte dei principali aggiornamenti dell’algoritmo in cui Google ci dice che cosa è cambiato ruota attorno alla pertinenza. BERT, Rank Brain e Neural Matching erano incentrati sulla comprensione del linguaggio e sulla rilevanza. Tutti toccano la comprensione del significato del testo.

Eppure, secondo Google, non c’è altro da ottimizzare se non scrivere naturalmente. Una cosa che trovo interessante è che John Mueller ha messo in guardia contro il riempimento di parole chiave.

So che alcuni risponderanno al consiglio di Mueller con occhiate compiaciute mentre aggiungono un’altra parola chiave che include la parola SEO.

Ma visti gli anni che ho alle spalle facendo SEO secondo me ciò che Mueller ha detto ha alcune implicazioni più profonde, in particolare per coloro che hanno perso ranking negli ultimi aggiornamenti.

Nel mio lavoro di fornitura di soluzioni per i clienti che hanno perso ranking, un problema comune è quello relativo alla pertinenza. La pertinenza diventa un problema perché molti editori tendono a concentrarsi troppo sulle parole chiave e non abbastanza sui segnali di pertinenza.

Sono un amante del web prima di tutto, Seo e link builder di Torino. Aiuto le aziende a vendere di più tramite strategie di web marketing.

Il nostro Seo blog

Siamo una Web Agency che abbiamo come focus principale la soddisfazione dei clienti. Queste sono le nostre news e guide sul mondo del web marketing.

Richiedi preventivo gratis

Servizi professionali di Web Marketing. Siamo esperti in strategie digitali e Seo per far prendere il volo alla tua azienda!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Articoli di Blog Seo

Tutti gli articoli

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.