Google può aggiungere prodotti alla tua Shopping Cart

No Comments

Google può aggiungere prodotti alla tua Shopping Cart per verificare il prezzo

Dopo la pubblicazione di un articolo sul Wall Street Journal dal titolo “Chi è il Mystery Shopper che si nasconde dietro migliaia di carrelli della spesa online?”, Google ha confermato che ha dei sistemi che aggiungono automaticamente prodotti al carrello dei siti di e-commerce.

Lo fa per verificare il prezzo che i commercianti danno loro corrispondenze a ciò che si trova nel carrello.

Google l’ha effettivamente confermato rispondendo così ad alcuni blogger di settore che avevano chiesto delucidazioni in merito: “Utilizziamo sistemi automatizzati per garantire ai consumatori informazioni precise sui prezzi dai nostri commercianti.

Ciò a volte porta i commercianti a vedere i carrelli abbandonati a seguito del nostro sistema che verifica se il prezzo visualizzato corrisponde al prezzo al momento del pagamento. “.

Anche se la cosa può sembrare strana, in verità ha senso. Qualche volta capita, soprattutto su shop on line stranieri di leggere accanto al prodotto “prezzo speciale nel carrello”, o a volte il prezzo non viene visualizzato finché non si aggiunge il prodotto al carrello.

Certamente non è una tattica migliore per avvicinare gli acquirenti al check out, senza contare che ci potrebbero essere problemi legali con la visualizzazione dei prezzi di alcuni prodotti con uno sconto sulla pagina principale del prodotto. 

Sono proprio questo genere di esche e cambi di tattiche che Google sta cercando di reprimere.

Google utilizza metodi automatici in Google Shopping per verificare che Google Merchant non stia violando le norme di Google Merchant / Shopping. Una di queste politiche è “la mancata divulgazione chiara e evidente del modello di pagamento e la piena spesa che un utente dovrà sostenere prima e dopo l’acquisto” (qui la fonte ufficiale).

In effetti, i Termini di servizio di Merchant Center di Google consentono a Google di scansionare quelle pagine per ricontrollare che tutto sia in regola, tanto che nel documento si legge che “se il contenuto inviato contiene URL o contenuti simili, si concede a Google il diritto di accedere, indicizzare, memorizzare nella cache o eseguire la scansione dell’URL (i) e il contenuto disponibile tramite tali URL o parti di essi. Ad esempio, Google può utilizzare un programma software automatizzato per recuperare e analizzare i siti Web associati a tali URL. “

Google Merchant Center ha un documento di aiuto sul controllo della scansione. Ma sembra che utilizzi Googlebot e Googlebot-image per eseguire la scansione del sito e in tal caso, quindi tecnicamente, puoi bloccarlo dalle pagine del carrello?

Google ci ha detto che la società sta cercando di chiarire in che modo questi sistemi automatizzati interagiranno in futuro con i siti Web dei commercianti e la società si impegna a lavorare con i commercianti attraverso i nostri canali di supporto per affrontare eventuali altri problemi che potrebbero verificarsi durante la partecipazione allo Shopping di Google programmi.

In attesa di futuri sviluppi speriamo che Google chiarisca il tutto in modo da poter filtrare questi comportamenti nella tua analisi e non vedere tassi di abbandono del carrello gonfiati?

Iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005, titolare dello studio di consulenza marketing AppTur, come copywriter mi occupo di seo copy e seo writing per aziende e web agency a livello nazionale

Il nostro Seo blog

Siamo una Web Agency che abbiamo come focus principale la soddisfazione dei clienti. Queste sono le nostre news e guide sul mondo del web marketing.

Richiedi preventivo gratis

Servizi professionali di Web Marketing. Siamo esperti in strategie digitali e Seo per far prendere il volo alla tua azienda!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Articoli di Blog Seo

Tutti gli articoli