Google Shopping inserisce le schede prodotto gratuite

No Comments

Dopo 8 anni, Google inserirà annunci gratuiti nei suoi risultati di Google Shopping per competere meglio con Amazon nella ricerca dei prodotti online da acquistare.

Google sta compiendo in queste ore un passo significativo dopo che ha deciso di aprire i risultati della sua ricerca Shopping a inserzioni organiche non a pagamento.

I risultati della scheda Google Shopping “consisteranno principalmente in elenchi di prodotti gratuiti” a partire dalla prossima settimana.

La mossa arriva nel mezzo della crisi del coronavirus in cui molti rivenditori ed esercenti in tutto il mondo hanno dovuto bloccare la propria attività.

Le strategie di vendita che si basano sugli e-commerce hanno improvvisamente assunto maggiore importanza e urgenza per i commercianti.

La crisi è stata la spinta per “far avanzare i nostri piani per rendere [Google Shopping] gratuito per i commercianti”, ha dichiarato il presidente del commercio di Google, Bill Ready, in un post sul blog ufficiale di Google .

Il cambiamento sarà permanente e si adatterà alla visione a più lungo termine del ruolo dell’azienda nel commercio digitale.

“Per i rivenditori, questa modifica implica un’esposizione gratuita a milioni di persone che si rivolgono ogni giorno a Google per le loro esigenze di acquisto”, ha affermato Ready. “Per gli acquirenti, significa più prodotti da più negozi, rilevabili tramite la scheda Google Shopping. Per gli inserzionisti, ciò significa che ora è possibile aumentare le campagne a pagamento con elenchi gratuiti “.

Questa è un’evoluzione che abbiamo seguito da vicino e in molti modi è un ritorno al momento futuro per la ricerca di prodotti Google, che era gratuita (ricordate Froogle?), prima di passare a un prodotto puramente pagato nel 2012.

Due cose da allora sono cambiati: qualità dei dati e Amazon.

Prima di essere interamente pagata, la ricerca di prodotti di Google ha sofferto di un problema di qualità – con elenchi che spesso indirizzavano a prodotti finiti o a articoli completamente diversi. La capacità di Google di garantire che le informazioni in un feed di prodotto corrispondano ai dati sul sito sono notevolmente migliorate da allora.

Chi è il migliore tra Amazon e Google shopping

Google ha visto il gigante dell’e-commerce Amazon continuare a guadagnare quote nella ricerca di prodotti e nella pubblicità. Limitare l’universo dei prodotti disponibili nei risultati di Google Shopping a quei rivenditori disposti a pagare ha messo in svantaggio il potere di ricerca di Google.

L’apertura a tutti i commercianti migliorerà l’offerta di Google e il suo fascino sia per i venditori che per i consumatori. E come su Amazon, i commercianti che vogliono garantire una visibilità di rilievo nei risultati di ricerca, ora più competitivi con più prodotti idonei a essere pubblicati, continueranno a pagare per gli annunci. 

Per gli esperti di marketing e-commerce e SEO, la mossa aggiunge un nuovo livello agli sforzi di ottimizzazione della ricerca di prodotti biologici.

Come funzionerà il nuovo programma di Google Shopping.

Distribuzione di annunci ed elenchi gratuiti. Gli annunci commerciali a pagamento verranno visualizzati nella parte superiore e inferiore della pagina nella scheda Google Shopping, proprio come nella scheda principale dei risultati di ricerca. Potrebbero esserci futuri esperimenti di layout in futuro. Amazon, ad esempio, ora distribuisce annunci di prodotti sponsorizzati nelle pagine dei risultati di ricerca.

La pagina principale di Ricerca Google non cambia e i caroselli degli annunci con scheda di prodotto (PLA) continueranno a essere costituiti solo da annunci.

Anche l’hub di Google Shopping negli Stati Uniti (https://shopping.google.com), che ha subito una riprogettazione completa lo scorso autunno , vedrà questa modifica, in particolare nelle pagine dei risultati di ricerca. La home page dell’hub, che in genere presenta temi di prodotti curati (tecnologia e strumenti per lavorare, apprendere e insegnare da casa, sono offerte correnti), continuerà a presentare solo elenchi a pagamento, almeno per iniziare.

Prodotto alimentato dai feed. Come gli annunci, gli elenchi gratuiti saranno alimentati dai feed di dati dei prodotti caricati su Google Merchant Center. Google ha aperto Merchant Center a tutti i rivenditori poco più di un anno fa per iniziare a consentire la visibilità dei prodotti nelle aree dei risultati di ricerca, inclusa la ricerca di immagini. Più recentemente, Google ha iniziato a mostrare elenchi di prodotti in una sezione chiamata “Prodotti popolari”.

Per iniziare, bisogna aprire un account Google Merchant Center e caricare un feed di prodotto. I venditori devono attivare “superfici su Google” per essere idonei alla visibilità organica, osserva Google nell’articolo aggiornato del Centro assistenza .

Nuova integrazione con PayPal. Google ha inoltre annunciato una nuova partnership con PayPal. I commercianti che utilizzano PayPal saranno in grado di collegare tali account a Google Merchant Center, il che consentirà a Google di inserire più rapidamente i dettagli del venditore e di verificare i commercianti di fiducia.

Google collabora inoltre con piattaforme di e-commerce, tra cui Shopify, WooCommerce e BigCommerce per facilitare ai commercianti la gestione dell’inventario e dei prodotti.

Google afferma che il cambiamento entrerà in vigore negli Stati Uniti entro la fine di aprile e si espanderà a livello globale entro la fine dell’anno.

Iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005, titolare dello studio di consulenza marketing AppTur, come copywriter mi occupo di seo copy e seo writing per aziende e web agency a livello nazionale

Il nostro Seo blog

Siamo una Web Agency che abbiamo come focus principale la soddisfazione dei clienti. Queste sono le nostre news e guide sul mondo del web marketing.

Richiedi preventivo gratis

Servizi professionali di Web Marketing. Siamo esperti in strategie digitali e Seo per far prendere il volo alla tua azienda!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Articoli di Blog Seo

Tutti gli articoli