John Mueller di Google twitta su contenuti e ranking

No Comments

John Mueller, analista di Google Webmaster Trends, si è impegnato in una vivace discussione su Twitter su cosa significhi creare contenuti web ideali. 

Mueller ha risposto su come Google classifica i contenuti lunghi più in alto, ha commentato il conteggio delle parole e ha offerto la sua opinione su ciò su cui gli editori dovrebbero concentrarsi.

La discussione ha riguardato la relazione tra il conteggio delle parole e il concetto di completezza e se il conteggio delle parole fa parte di un fattore di ranking (non lo è).

Conteggio parole della concorrenza corrispondente

La discussione è iniziata con una domanda relativa alla ricerca sulla concorrenza. La persona che ha posto la domanda apparentemente ha esaminato le pagine con il punteggio più alto nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca ( SERP ) e ha scoperto il conteggio delle parole dei siti in cima alla classifica.

La persona ha chiesto:

“E se coprissi più informazioni con meno parole rispetto ai concorrenti? Cosa pensa Google del conteggio delle parole? “

La ricerca della concorrenza è spesso pensata in termini di revisione di ciò che stanno facendo le pagine in cima alla classifica e di copiare ciò che stanno facendo in termini di parole chiave utilizzate, conteggio delle parole e così via.

Il problema con questo approccio è che solo perché i siti in cima alla classifica hanno un minimo di 1200 parole nel loro contenuto non significa che il conteggio delle parole sia correlato al conteggio delle parole ideale per il posizionamento.

È solo quello che c’è, o perché è quello che sentono è meglio o si copiano a vicenda.

Ma poi c’è sempre quel valore anomalo con un’epica pagina web di 8.000 parole che si classifica magistralmente per tutti i tipi di parole chiave , che spazza via l’idea che 1200 parole siano l’ideale.

John Mueller ha twittato questa risposta :

“Perché un motore di ricerca dovrebbe utilizzare il conteggio delle parole come metrica?”

La persona ha twittato la sua spiegazione :

“Probabilmente un numero maggiore di parole si riferisce a informazioni più complete e risposte dettagliate alla query di ricerca”

Ecco quindi spiegato il tutto:  il conteggio delle parole NON fa parte di un fattore di ranking. Quindi scrivere semplicemente dei contenuti lunghi sperando di classificarsi nelle prime posizioni della SERP non serve a niente.

In conclusione…

Le linee guida per i valutatori di qualità e la guida introduttiva SEO di Google incoraggiano gli editori a scrivere articoli completi. Ma John Mueller ha detto che non tutti gli articoli devono essere completi.

E ha ragione.

Iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005, titolare dello studio di consulenza marketing AppTur, come copywriter mi occupo di seo copy e seo writing per aziende e web agency a livello nazionale

Il nostro Seo blog

Siamo una Web Agency che abbiamo come focus principale la soddisfazione dei clienti. Queste sono le nostre news e guide sul mondo del web marketing.

Richiedi preventivo gratis

Servizi professionali di Web Marketing. Siamo esperti in strategie digitali e Seo per far prendere il volo alla tua azienda!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Articoli di Blog Seo

Tutti gli articoli