Perché Google ha fatto un passo indietro sulle search ads

No Comments

Google, che secondo alcuni legislatori e regolatori è diventato troppo potente, ha fatto un passo indietro sulle search ads

Un paio di settimane fa, quando Dan Shure stava cercando su Google informazioni sulle carni da macello, ha fatto qualcosa che aveva evitato per 20 anni: ha inconsapevolmente cliccato su un annuncio.

Shure, un consulente che aiuta le aziende a gestire dove appaiono nelle ricerche di Google, ha sempre pensato che fosse facile distinguere tra risultati di ricerca a pagamento e link non pagati.

Ciò è cambiato il 13 gennaio quando Google ha rinnovato l’aspetto della sua pagina dei risultati di ricerca per computer desktop. Anche per qualcuno con un occhio allenato come il signor Shure, era difficile vedere la differenza tra un annuncio e un link normale.

“Mi sono sentito stupido perché non avevo mai cliccato su un annuncio prima”, ha dichiarato Shure, 40 anni, proprietario di Evolving SEO, una società di consulenza a Worcester, Massachussets.

Come abbiamo scritto qualche giorno fa Google ha anche fatto, quasi istantaneamente, un passo indietro sul nuovo look delle search ads.

Perché Google ha fatto un passo indietro sulle search ads

Google ha dichiarato a gennaio che potrebbe eliminare i cookie dal suo browser Chrome, una decisione che ha descritto come uno sforzo per costruire “un web più privato”. Ma l’American Association of Advertising Agencies e l’Association of National Advertisers si sono rapidamente lamentati in una lettera aperta secondo cui la rimozione dei cookie potrebbe “soffocare l’ossigeno economico dalla pubblicità di cui le start-up e le aziende emergenti devono sopravvivere”.

La reazione alle recenti modifiche alla pagina di ricerca è stata così negativa che Google ha fatto il raro passo avanti per invertire alcune delle modifiche apportate alla progettazione la scorsa settimana. In una dichiarazione, Google ha affermato che stava “sperimentando una modifica” ai nuovi loghi accanto ai collegamenti non pagati, sebbene non abbia modificato il nuovo logo dell’annuncio.

Lara Levin, una portavoce di Google, ha dichiarato in una dichiarazione che i recenti cambiamenti di design hanno rispecchiato un nuovo aspetto che la società ha introdotto per i risultati di ricerca sui telefoni cellulari a maggio. La società ha testato il nuovo look nella ricerca desktop e i risultati sono stati positivi, ha affermato, ma ha deciso di apportare alcune modifiche per rispondere al “feedback degli utenti”.

Alphabet, la società madre di Google, dovrebbe annunciare la prossima settimana che le entrate annuali hanno superato i 150 miliardi di dollari nel 2019. Ma l’attività pubblicitaria di Google è sotto la crescente pressione di concorrenti come Amazon e Facebook.

Ben sappiamo quando Google lavori costantemente con il design della sua pagina dei risultati di ricerca e il suo approccio un tempo impreciso ai risultati di ricerca – caratterizzato come “10 collegamenti blu” – è cambiato drasticamente negli ultimi anni. Una volta la società ha testato 41 tonalità di blu per trovare quello che piaceva di più agli utenti, e nel tempo ha costantemente reso i suoi annunci di ricerca più poco appariscenti.

Per gli esperti di marketing che fanno affidamento su Google per portare loro il traffico web, le linee sfocate tra annunci e risultati regolari rendono difficile decifrare se i clienti che vengono reindirizzati ai loro siti sono persone che sarebbero venute da loro comunque o coloro che si sono imbattuti in loro perché dell’annuncio.

“Non puoi capire da dove provengono i clienti di maggior valore se tutti entrano attraverso quell’annuncio a pagamento”, ha dichiarato Amanda Goetz, vicepresidente del marketing presso Knot Worldwide, un gruppo di organizzazione di matrimoni. “In questo momento, è solo una guerra di offerte, e ora i marchi devono comprare contro il proprio nome come meccanismo di difesa”.

Josh Zeitz, un altro portavoce di Google per il team pubblicitario, ha affermato che le modifiche al design sono in linea con le linee guida della Federal Trade Commission. Nel 2013, la FTC ha formulato raccomandazioni su come i motori di ricerca dovrebbero etichettare gli annunci, ma si è fermata a corto di requisiti specifici diversi da quelli a pagamento che dovrebbero essere “evidenti e comprensibili per i consumatori”.

Google non ha seguito ciò che FTC ha prescritto per “segnali visivi” con risultati a pagamento contrassegnati da “ombreggiatura prominente che ha un contorno chiaro”, da un “bordo che distingue chiaramente la pubblicità” dai risultati di ricerca non pagati o da entrambi.

Ma la nuova icona dell’annuncio ha soddisfatto la raccomandazione dell’FTC di far apparire le etichette degli annunci prima del risultato a pagamento nella parte in alto a sinistra.

Google ha rifiutato di commentare il record su come interpreta le linee guida FTC, citando un periodo di silenzio prima del rapporto sugli utili. Un portavoce della FTC, Mitchell Katz, ha rifiutato di commentare le modifiche di Google.

Google non è il solo a tentare di ottenere maggiori entrate da importanti proprietà Internet. Facebook, Instagram, Twitter e Amazon stanno aumentando il numero di annunci pubblicitari che appaiono sui loro siti e app e che etichettano gli annunci pubblicitari in diversi modi.

Per Mr. Shure, le recenti modifiche di Google sono state più rilevanti sul desktop che sui dispositivi mobili perché c’è così poca differenza visiva tra i risultati di ricerca pagati e non pagati. Ha detto di aver scoperto che non c’erano differenze nella dimensione del carattere, nella spaziatura o nel colore tra gli annunci e i risultati regolari o organici. Su dispositivo mobile, ogni annuncio è contenuto in una casella e presenta una “i” o un’icona di informazioni sulla destra.

Sono un amante del web prima di tutto, Seo e link builder di Torino. Aiuto le aziende a vendere di più tramite strategie di web marketing.

Il nostro Seo blog

Siamo una Web Agency che abbiamo come focus principale la soddisfazione dei clienti. Queste sono le nostre news e guide sul mondo del web marketing.

Richiedi preventivo gratis

Servizi professionali di Web Marketing. Siamo esperti in strategie digitali e Seo per far prendere il volo alla tua azienda!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Articoli di Blog Seo

Tutti gli articoli